Sai perché le diete rigide non funzionano mai?

Devo buttare giù questa maledetta pancetta, da domani mi metto a dieta!”. Sembra essere questo il più classico dei monologhi allo specchio in cui, almeno una volta nella vita, è impegnata la maggior parte delle persone in sovrappeso. Purtroppo, passata la prima fase delle promesse, dettate dalla sensazione di disagio, pochi danno seguito all’azione e tra questi solo il 5% riesce ad ottenere risultati apprezzabili e duraturi.

Per capire il perché, è utile fare due considerazioni. Una sul significato della parola “dieta” che, mentre Wikipedia indica come il complesso di alimenti che una specie animale (compreso l’uomo) assume per la sua nutrizione, la cultura popolare associa ad una riduzione, spesso drastica o squilibrata, del cibo da consumare.

La seconda e più importante, sul reale significato che il cibo ha per l’uomo.

Il cibo, già dai primissimi giorni di vita, rappresenta qualcosa di molto più profondo della semplice nutrizione così come comunemente conosciuta. Il nascituro attraverso la suzione del seno materno assume, insieme ai nutrienti essenziali alla sua crescita fisica, quelli essenziali alla sua crescita psicologica: affetto, appartenenza, calore umano, contatto. Questa fantastica associazione cibo = benessere rimarrà radicata nella sua mente per tutta la vita. Sarà, quindi, la prima cosa che andrà a cercare, anche da adulto, per ottenere una sferzata di energia nel momento in cui si troverà ad affrontare situazioni di disagio.

Quanta malinconia si affoga nei barattoli di Nutella®, nelle vaschette di gelato e nei pacchi di biscotti farciti, magari a fine serata, quando, soli con se stessi, si fa il resoconto della giornata o della vita?

Questi sono i motivi per cui, le “diete” basate esclusivamente sulla restrizione calorica hanno una scarsa probabilità di successo. Come dicevamo in apertura di articolo, solo il 5% arriva a risultato.

Ma allora non c’è nessuna possibilità di dimagrire?
Al contrario, sapendo con quale metodo lavora la nostra mente, è più facile creare le strategie giuste per arrivare al successo.
Cibo = benessere non è la sola associazione che la mente conosce per procurarsi “pillole di felicità”, basta sostituire nell’equazione la parola cibo con altre ugualmente efficaci, seguire i consigli riportati di seguito e il gioco è fatto.

 7 Passi per dimagrire con successo

  1. Individua il tuo fabbisogno calorico quotidiano e segui un’alimentazione sana e bilanciata con una quantità di calorie leggermente inferiore a quanto è emerso dal tuo calcolo. La nostra guida ti spiegherà come fare.
    Nutrizione sana = Benessere
  2. Pratica esercizio fisico sotto la guida di un professionista.
    Avrà il duplice effetto di aumentare il dispendio calorico e di produrre endorfine utili a migliorare l’umore.
    Esercizio fisico = Benessere.
  3. Pratica un hobby che ti dia soddisfazione, meglio se attivo. Il giardinaggio, il trekking, il laser tag, il boot camp, o altri giochi sociali all’aperto, rappresentano un’ottima soluzione.
    Hobby/gioco = Benessere
  4. Non rinunciare ai momenti conviviali con amici e parenti, prediligendo la qualità dei cibi alla quantità e limitando il consumo di dolci ed alcolici.
    Socializzazione = Benessere
  5. Cerca occasioni di confronto reali e non virtuali.
    Rapporti umani = Benessere
  6. Leggi. Informarsi aiuta a conoscere e conoscersi
    Cultura = Benessere
  7. Crea dei progetti e accetta piccole sfide per realizzarli. Ciò migliorerà la fiducia in te stesso.
    Autostima = Benessere

Segui questi passi. Ti ritroverai magro e felice in men che non si dica.

Dario Rago – Personal trainer

Vuoi ricevere altre notizie per migliorare il tuo stile di vita e la tua forma fisica? Iscriviti alla newsletter di Alexa Wellness Club o diventa nostro amico su Facebook

Se ritieni che questo articolo ti sia stato utile, lascia un commento a fondo pagina. Grazie.

2 Comments

  • avatar image delfino50 06 Nov 2012 Reply

    Pregevole articolo ma dal titolo mi aspettavo qualche consiglio vero al posto dei sillogismi.
    Sono straconvinto che i principi di una vita sana sono chiari a tutti: dieta varia ed equilibrata, ex fisico, no stress. Tali principi li propinano a valanga ogni giorno e continuare testardamente a ripeterli nn ha senso. La gente non li segue e i pochi che lo fanno non ricevono di certo aiuto se li si informa di qlc che già sanno.
    Secondo il mio modesto parere sarebbe più utile informare sul COME riuscire a seguire questi stramaledetti principi perchè con tutto quello che c’è da fare il tempo e la voglia di impegnarsi è poca.

    • avatar image Dario Rago 07 Nov 2012

      Gent.mo Delfino,
      grazie per il prezioso contributo, ne terrò conto nella redazione dei prossimi articoli.
      In questo caso l’articolo tende a far luce su una pratica molto diffusa, quanto pericolosa ed inefficace. La restrizione drastica delle calorie nelle diete. Purtroppo devo dirle che ciò succede proprio grazie alla poca conoscenza che si ha degli aspetti psicologici legati alla nutrizione.
      Sul COME riuscire ad applicare i consigli per ottenere una migliore qualità della vita, bastano veramente piccoli cambiamenti allo stile di vita (come spesso indicato), ma se anche questi dovessero risultare faticosi, non resta che affidarsi alle cure di un personal trainer che troverà il modo giusto per stimolare la motivazione e il tipo di attività più congeniale.
      Cordiali saluti.
      Dario Rago

Add new comment